Rappresentanza

Donne e uomini insieme, 50e50 ovunque si decide

Possiamo permetterci il lusso di continuare a perdere competenze, capacità e talenti di metà del paese ?

Le donne hanno i numeri e sono forza di governo e nei concorsi pubblici, dove il genere emerge in busta chiusa solo dopo il merito, sono le prime. Dove invece il genere si vede prima del merito, il merito stesso è messo in discussione. Dobbiamo proporre concorsi anche per le cariche pubbliche e per le candidature nelle liste elettorali ?

Le scelte che riguardano la vita di tutti, dall’aria al cibo dall’ambiente al lavoro, nella politica nazionale quanto in quella locale, è nel dominio del monopolio maschile e questo abuso di posizione dominante altera la democrazia e impoverisce le nostre vite.  Danni per molti e privilegi per pochi e in questa situazione è oramai divenuto ineludibile un cambio di rotta.

Certo i proprietari delle diligenze non peroreranno l’arrivo delle ferrovie  ma chi non vuole rinunciare al futuro sarà d’accordo perché le donne e gli uomini siano insieme 50e50 ovunque si decide con pari dignità, determinazione e responsabilità.

Possiamo dire che questo risponde ai principi costituzionali e diremmo senz’altro il vero, ma quello che ci preme di più sottolineare, oltre al fondamento democratico della compartecipazione alle scelte che incidono sulla vita della collettività,  è l’urgenza di una democrazia paritaria che sia la fine dell’attuale situazione di fallimento e degrado e l’inizio di una rinascita per tutti e soprattutto per le giovani generazioni lasciate per strada, on the road con un bagaglio sempre più leggero.

Né è possibile non cogliere il nesso tra povertà della rappresentanza delle donne di questo Paese, la miseria della nostra rappresentazione, reale e simbolica, la irrilevanza della nostra parola pubblica

E in questo senso, su base locale, tenendo conto che tra due mesi a Milano si vota, ribadiamo che le donne si propongono come forza di governo e per essere la metà:

–          degli assessori e delle candidate, messe in lista in numero eguale a quello degli uomini e disposte in ordine alternato per sesso;

–          dei consiglieri di amministrazione e dei direttori delle aziende,  degli enti e delle istituzioni con partecipazione e controllo pubblico.

A questo scopo su base regionale riteniamo che la legge elettorale che la Regione Lombardia ritarda a varare debba:

–          o prevedere le candidature in pari numero per donne e uomini alternate per sesso come già detto, pena la inammissibilità delle liste;

–          oppure prevedere la doppia preferenza di voto, una per un uomo e una per una donna come consente la  legge elettorale della Regione Campania per chi voglia esprimere due preferenze anziché una sola.

Quote di genere nei consigli di amministrazione delle società quotate in borsa

Il disegno di legge sulle quote di genere nei Consigli di Amministrazione delle società quotate in borsa attualmente in discussione alla Commissione Finanze del Senato va sostenuto e nel contempo va denunciata la ostilità che ha incontrato sul suo cammino.

Pur trattandosi solamente di quote (nella misura del 30% assegnata alle donne) il disegno di legge, analogo alle leggi promosse dalla Unione Europea che dalla Spagna alla Norvegia sono in vigore da anni, con acclarati e oggettivi benefici economici per le società e gli azionisti delle medesime,  sta trovando ostacoli che ne minano in radice la funzionalità e la efficacia.

Il rinvio di anni per la sua entrata in vigore e l’assenza di una sanzione forte, come la decadenza del Consiglio in caso di violazione della legge, sono un ulteriore segnale della volontà di mantenere lo status quo e di impedire un reale cambiamento a favore di molti contro un privilegio di pochi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...